Pulizia del sangue.Perchè dobbiamo pulirlo

Di: Jon Barron

Sebbene sia largamente frainteso, la pulizia del sangue è probabilmente una delle armi più importanti nell’arsenale di salute alternativa per raggiungere il benessere ottimale e sconfiggere il cancro. Per essere sicuri, con alcune misure, sembra che stiamo facendo meglio quando si tratta di cancro. La comunità medica sottolinea il fatto che sia l’incidenza – sia i decessi da – il cancro hanno finalmente iniziato a diminuire. Ma questo in realtà rappresenta un po ‘di illusorio schiaffo. Le maggiori flessioni sono nel cancro del polmone e nel cancro al seno. Ma il declino del cancro ai polmoni non ha praticamente nulla a che fare con i progressi nella diagnosi e nel trattamento, ma piuttosto è il risultato di una diminuzione del fumo negli Stati Uniti. Sfortunatamente, l’uso del tabacco sta crescendo in tutto il mondo e ha persino ripreso a crescere tra i giovani nel Stati Uniti, come ora aggiungiamo circa un milione di nuovi giovani fumatori americani ogni anno. Per quanto riguarda il tumore al seno, ancora una volta, ciò ha meno a che fare con i progressi della medicina che con un calo nell’uso di farmaci ormonali sostitutivi – un fattore primario nell’insorgenza del cancro al seno. In effetti, i medici si danno pacche sulla schiena per non uccidere più le persone.

Ci sono stati miglioramenti nella diagnosi e nel trattamento? Assolutamente … per alcuni tipi di cancro. Cancro al colon, per esempio. Ma nel complesso, la semplice verità è che nel 2014 ci saranno circa 1.665.540 nuovi casi di cancro diagnosticati e 585.720 decessi per cancro negli Stati Uniti da soli. Il cancro rimane la seconda causa di morte più comune negli Stati Uniti, che rappresenta quasi 1 su 4 decessi. Un giorno, i progressi nella terapia genetica e nella ricerca scientifica faranno davvero la differenza, ma fino a quel giorno, sei in gran parte da solo, e saresti saggio a trarre vantaggio dalle difese offerte dalla natura come la pulizia del sangue. Ci sono in realtà diversi modi per purificare il tuo sangue. Uno dei metodi più efficaci consiste nell’utilizzare enzimi proteolitici sistemicitra i pasti o prima di andare a letto. Quando vengono assunti senza cibo, gli enzimi entrano nel flusso sanguigno nel giro di pochi minuti e iniziano a pulire detriti a base di proteine, come antigeni e complessi immunitari circolanti dal sangue, che altrimenti comprometterebbero il sistema immunitario. Questo può migliorare in modo significativo la salute generale piuttosto rapidamente.

Ciò di cui stiamo parlando ora, però, è qualcosa di molto diverso: usare i detergenti per il sangue a base di erbe per eliminare i patogeni sistemici, rimuovere i residui tossici dal sangue, stimolare il sistema linfatico (essenziale per mantenere pulito il sangue) e abbattere cellule canaglia per aiutare il tuo sistema immunitario a ridurre al minimo le possibilità di crescita maligna che si radicano nel tuo corpo. Le grandi erbe purificanti del sangue – in nessun ordine particolare – sono: trifoglio rosso, radice di bardana, chaparral, radice di poke e acetosella. Queste sono le erbe che troverete nelle famose formule di pulizia del sangue come la formula di Hoxsey, il tè Essiac, le formule di Dr. Christopher e Dr. Schulze e nella mia versione della formula. Queste formule possono letteralmente “cacciare” cose cattive dal tuo corpo – o impedire loro di entrare in primo luogo. Con questo in mente, diamo un’occhiata alla formula di pulizia del sangue “perfetta”.

Che cosa è esattamente un detergente per il sangue?

Prima di tutto, il nome stesso “detergente per il sangue” è davvero un eufemismo. In realtà, questa formula e quasi tutte le erbe in esso sono considerate dagli erboristi come antitumorali (sebbene non riconosciute come tali dalle agenzie governative). Variazioni di questa formula sono state usate per centinaia di anni dalle tribù native americane. Più di recente, sono state disponibili versioni commerciali, come ho detto prima, come la formula di Hoxsey, Essiac Tea e Jason Winters Tea, ecc. Il fatto stesso che non possiamo parlare apertamente della proprietà anticancro delle erbe e delle formule a base di erbe eccetto come un costrutto teorico è probabilmente l’argomento più politico in salute alternativa oggi.

Non sorprendentemente, mentre passiamo attraverso le singole erbe nella mia formula di pulizia del sangue raccomandata–

Chaparral, trifoglio rosso, radice di bardana, radice di Poke, radice di bacino gialla, radice di Goldenseal, radice d’uva dell’Oregon, Bloodroot, vischio, acetosella, artiglio di gatto e cayenne.

– scoprirai che molti di loro sono presenti nell’elenco di ammonimenti della FDA e praticamente tutti sono nella lista canadese. Troverai anche i numeri di queste erbe negli elenchi di avvertenze di paesi europei come la Svizzera e la Germania, e persino l’Australia per quella materia. D’altra parte, scoprirete anche che un certo numero di studi – la maggior parte dei quali abbastanza recenti – in realtà supportano ciò che gli erboristi dicono da decenni sulle proprietà antitumorali di queste erbe.

Cosa sta succedendo qui? Perché le stesse erbe che i grandi erboristi individuano come più utili per combattere il cancro sono bandite dalle autorità governative come inutili – anche tossiche? Come succede questo, ancora e ancora?

Naturalmente, queste stesse autorità potrebbero avere più credibilità se le alternative che hanno spinto – chirurgia, chemioterapia e radiazioni – avessero una migliore esperienza. Ma come tutti sappiamo, non lo fanno. Forse ancora più interessante è che molti degli studi che supportano le proprietà antitumorali delle erbe in questione vengono condotti con variazioni sintetiche delle biochimiche chiave isolate in quelle erbe, non le erbe stesse.

Perché?

Il motivo dichiarato è che le varianti sintetiche sono “più sicure” e “più efficaci”. Ma siamo stati in questa strada innumerevoli volte prima. Non sono più sicuri. Non sono più efficaci. Infatti, di solito hanno effetti collaterali molto più pericolosi e sono spesso meno efficaci dell’estratto vegetale completo stesso. Ciò che sono, però, è brevettabile. Ma questo è un argomento per un’altra volta.

In ogni caso, dal momento che non possiamo parlare delle proprietà preventive del cancro di formule specifiche, parliamo solo teoricamente delle erbe trovate nella mia formula “ideale” e del perché sono efficaci. Nota, la maggior parte di queste erbe sono estremamente amare e hanno un sapore davvero orribile, ma funzionano!

Chaparral

I nativi americani hanno usato Chaparral per secoli come rimedio antitumorale. In realtà, è la pietra angolare della maggior parte delle formule a base di erbe anticancro. Esattamente come funziona è aperto al dibattito, ma alcune delle sue azioni principali sono:

  • Chaparral è uno dei più potenti antiossidanti in natura. Il principale responsabile biochimico di ciò è l’NDGA (acido nordiidroguaiaretico). L’NDGA è così efficace da essere spesso usato come conservante alimentare. 
  • È anti-patogeno. In altre parole, uccide virus, batteri e parassiti. 
  • Chaparral ha persino mostrato molte promesse con l’herpes. 
  • Chaparral purifica il sistema linfatico. 
  • Purifica il sangue. 
  • Purifica il fegato 
  • Pulisce il tratto urinario. 
  • È un chelatore naturale che cancella i metalli pesanti dal sangue. 
  • Gli studi dimostrano che il chaparral può anche inibire la proliferazione cellulare incontrollata e il danneggiamento del DNA. 
  • E alcuni studi universitari hanno indicato che il chaparral può distruggere e dissolvere molti tipi di tumori. 

Quindi, come potrebbe essere un’erba così benefica sulla lista nera di ogni governo? Secondo la FDA, citando uno studio del 1997 pubblicato negli Archivi di Medicina Interna , “Chaparral: venduto come tè e pillole per combattere il cancro e” purificare il sangue “, è stato collegato a gravi danni al fegato.L’FDA ha registrato due morti e 10 casi di epatite o altre anomalie epatiche negli utenti. ” 2

La realtà, tuttavia, è che l’evidenza di tossicità del fegato chaparral è aneddotica. Non è il risultato di studi in doppio cieco o studi clinici. Ad esempio, uno dei casi che la FDA ama citare può essere trovato in un numero del 1995 del Journal of American Medical Association . 3 I dettagli del caso riguardano una donna di 60 anni che ha sviluppato ittero e insufficienza epatica mentre assumeva da una a due capsule di chaparral ogni giorno con un pizzico di aglio in un tè a base di ortica e cerastio. Gli autori della JAMAl’articolo ha concluso che deve essere stato il chaparral a causare i problemi al fegato. Ciò che è affascinante è che il paziente in questione stava consumando atenololo, aspirina, utilizzando un cerotto nitro e acetaminofene occasionale, nonché diltiazem cloridrato – tutti i farmaci con un potenziale epatotossico profondo. Sorprendentemente, nessuna di queste sostanze è stata considerata come una possibile causa dei problemi al fegato dagli autori … o dalla FDA. Che sorpresa!

Tuttavia (e nonostante il fatto che gli studi approfonditi del dottor Norman Farnsworth sul chaparral negli anni ’70 e ’80 non abbiano rilevato effetti epatotossici per il chaparral), nel dicembre 1992, il commissario della FDA David Kessler annunciò: “Il pubblico non dovrebbe acquistare o consumare chaparral”.

Dopo queste accuse di tossicità epatica da parte della FDA, i produttori hanno volontariamente limitato le vendite di chaparral per diversi anni fino a quando le segnalazioni non sono state esaminate. Dopo una lunga analisi, un gruppo di esperti medici ha concluso “non sono stati trovati dati clinici … per indicare che il chaparral è intrinsecamente una tossina epatica”. Alla fine del 1994, questo rapporto è stato presentato alla FDA e in seguito Chaparral ha ricevuto un certificato di buona salute dall’American Herbal Products Association (AHPA). Dopo aver confrontato la quantità di chaparral consumata ogni anno (si stima che oltre 200 tonnellate, 500 milioni di capsule siano state vendute negli Stati Uniti negli anni ’70 e ’80) al numero di denunce di prodotti, i regolatori del settore hanno concluso che il chaparral non rappresentava un minaccia significativa per la sicurezza dei consumatori. Dr.4 E nel 2001, uno studio clinico retrospettivo pubblicato su The Journal of Alternative and Complementary Medicine non ha rilevato alcuna evidenza di tossicità epatica derivante dall’uso di chaparral a basse dosi. 5

Quindi questa erba notevole (la pietra angolare di molte formule grandiose) ora venduta liberamente nel mercato e usata per avvantaggiare le persone malate in tutto il mondo? Quasi!

Cerca “tossicità chaparral” sul web e vedrai numerosi articoli che annunciano ancora i pericoli dell’erba (tutti citano gli stessi casi dei primi anni ’90). Oppure cerca di comprare chaparral in Canada o in gran parte dell’Europa. Destra! Il problema è che una volta che un’erba è etichettata come pericolosa (anche se smentita in un secondo momento), lo stigma rimane ed è allevato ancora e ancora e ancora, acquisendo la verità attraverso la ripetizione, se non attraverso il fatto.

Fortunatamente, nonostante la cattiva stampa, Chaparral è almeno disponibile (per il momento) negli Stati Uniti.

Studi Chaparral

Secondo un rapporto del numero di maggio 2010 del Medical Science Monitor , numerosi studi hanno dimostrato che il principale metabolita di chaparral, NDGA, è probabilmente efficace nel trattamento di più malattie, come malattie cardiovascolari, disturbi neurologici, tumori e in il campo dell’ingegneria dei tessuti. 6 Il rapporto proseguiva spiegando che diverse proprietà medicinali come le caratteristiche antineoplastiche, antivirali e antinfiammatorie dell’NDA sono state supportate da in vitro e in vivostudi sperimentali, nonché relazioni storiche. Gli studi hanno anche confermato che l’NDGA ha effetti farmacologici estesi e specifici meccanismi di azione. È un forte antiossidante; può eliminare ROS (specie reattive dell’ossigeno, radicali liberi dell’AKA) o inibire la produzione di ROS, stimolare la produzione di ossido nitroso, aumentare la funzione immunitaria, migliorare la funzione del sistema nervoso centrale e prevenire malattie cardiovascolari o di altro tipo. E gli studi di ingegneria tissutale dimostrano che la reticolazione NDGA è un modo efficace per migliorare le proprietà meccaniche e la biocompatibilità dei tessuti e degli organi artificiali.

Molto semplicemente, quando si tratta di cancro, ci sono una serie di studi che mostrano i benefici di chaparral e NDGA – e molti di essi recenti. Ad esempio, uno studio del 2010 pubblicato in Bioorganic & Medicinal Chemistry Letters ha rilevato che diverse varianti sintetiche dell’NDGA agiscono da inibitori contro il cancro del fegato umano. 7 I risultati di questo studio sono stati rafforzati da uno studio del 2014 pubblicato su ChemMedChem che ha rilevato che otto versioni metilate di NDGA erano protettive contro il cancro del fegato. 8Per inciso, ho iniziato con due studi sulla capacità del chaparral di inibire il cancro del fegato specificamente per contrastare eventuali preoccupazioni persistenti sulla sua tossicità epatica falsamente citata, ma i suoi benefici antitumorali non sono affatto limitati al cancro del fegato. Come uno studio del 2012 pubblicato su Breast Cancer Research and Treatment , è ugualmente protettivo contro il cancro al seno. 9 E uno studio del 2008 pubblicato sulla rivista Prostate mostra che potrebbe essere altrettanto efficace nel trattamento del cancro alla prostata. 10 E poi, naturalmente, ci sono numerosi studi che dimostrano che l’NDGA è più efficace dell’aciclovir quando si tratta di curare i virus HIV, HSV, 11 e HPV 12– L’HPV è notevole come fattore primario nell’insorgenza del cancro cervicale. E del resto, gli studi hanno dimostrato che l’NDGA ei suoi derivati ​​sono direttamente efficaci contro il cancro cervicale stesso. 13

Trifoglio rosso

Il trifoglio rosso è un altro fiocco di formule di pulizia del sangue a base di erbe e ha una lunga storia di utilizzo come erba medicinale. È un ottimo depuratore del sangue che col tempo pulisce gradualmente la circolazione sanguigna e corregge le carenze del sistema circolatorio. Ma tra i classici erboristi, è probabilmente meglio conosciuta come una delle erbe principali per il trattamento di tutte le varietà di cancro – in qualsiasi parte del corpo – e si trova come ingrediente centrale in molte formule anticancro, includendo di nuovo la formula di Hoxsey, Jason Winters tè, la mia formula ideale e il tè Essiac.

Non sorprende che la maggior parte dei medici, della FDA e di molti erboristi della “nuova scuola” abbiano liquidato il trifoglio rosso come inutile nell’affrontare il cancro. Tuttavia, i ricercatori del National Cancer Institute hanno effettivamente trovato proprietà antitumorali nel trifoglio rosso. La genisteina, una sostanza biochimica del trifoglio rosso, ha la capacità di impedire ai tumori di sviluppare le scorte di sangue di cui hanno bisogno per sopravvivere, lasciandoli morire di fame e uccidendoli.

A quanto pare, la genisteina è la stessa biochimica considerata la principale biochimica benefica della soia. Ma il trifoglio rosso ha un vantaggio significativo rispetto alla soia. Contiene non solo genisteina, ma livelli significativi (circa dieci volte quelli trovati nella soia) di tutti e quattro gli isoflavoni estrogeni benigni (una classe speciale di antiossidanti) compresa la daidzeina. Oltre agli isoflavoni, il trifoglio rosso contiene un’altra classe di composti fitoestrogeni antitumorali chiamati coumestans, principalmente sotto forma di biocanina.

Il consumo di soia, a differenza del consumo di trifoglio rosso, non determina alcun aumento della biocanina nel sangue. 14 È importante? Gli studi hanno dimostrato che la biocanina può inibire significativamente la proliferazione del cancro al seno.  Non sorprendentemente, per ragioni analoghe, potrebbe essere altrettanto protettivo contro il cancro alla prostata.  E poi c’è stato lo studio australiano in cui i ricercatori hanno somministrato isoflavonoidi di trifoglio rosso a 20 uomini con carcinoma della prostata prima di sottoporsi a un intervento chirurgico per rimuovere le loro prostate. Gli uomini che avevano ricevuto flavonoidi sembravano avere più cellule tumorali che stavano morendo nel loro tessuto prostatico rimosso chirurgicamente. Sì, era uno studio molto piccolo, senza un gruppo placebo, e non confrontava sopravvivenza, qualità della vita o sintomi, ma i ricercatori descrivevano l’apoptosi nei campioni dei pazienti trattati come “significativamente più alta” rispetto ai soggetti di controllo. E non è la prima volta che questo tipo di risultato è stato notato con il trifoglio rosso e il cancro alla prostata. 

Radice di bardana

La radice di bardana (Arctium lappa) è probabilmente l’agente disintossicante più famoso nell’arsenale delle erbe. Deterge il sangue aumentando l’efficacia di tutti i sistemi di eliminazione del corpo. Il suo effetto diuretico aiuta i reni a filtrare le impurità dal sangue. Aiuta a spingere le tossine attraverso la pelle e aumenta anche la capacità del fegato di rimuovere le tossine. La linea di fondo è che spingendo le tossine attraverso una varietà di percorsi, bardana può purificare il sangue con effetti collaterali minimi e con il minimo sforzo per il corpo. Nota: sebbene la radice di bardana sia stata tradizionalmente usata per trattare il diabete, in quantità eccessive, può interferire con i farmaci per lo zucchero nel sangue.

Gli studi indicano che bardana ha proprietà sia anti-infiammatorie che antibatteriche.  I lignani arctiin e arctigenin, che si trovano nella radice di bardana, sono molto probabilmente responsabili delle sue capacità antinfiammatorie, mentre i poliacetileni e i componenti dell’acido clorogenico sono molto probabilmente responsabili delle sue proprietà antibatteriche. Inoltre, la radice di bardana sembra essere epatoprotettiva, antidiabetica,  e protettiva contro il cancro del mammario, del colon e del pancreas. Infatti, gli studi hanno dimostrato che ha attività antitumorale contro una varietà di tumori come: carcinoma ovarico,  tumore del polmone,  e cancro al seno,  per citarne solo alcuni.

Pokeroot e radice di bacino gialla

Sono entrambi potenti detergenti per il sangue e detergenti per la linfa, che stimolano e aumentano l’azione delle ghiandole linfatiche in tutto il corpo. Non sorprendentemente, entrambe le erbe sono graffette di molte formule anticancro tradizionali a base di erbe.

Se usato in modo improprio, il pokeroot (AKA, pokeweed) può essere tossico, ma se usato correttamente, gli studi sugli animali hanno dimostrato che può migliorare il sistema immunitario e ha proprietà antitumorali. Ad esempio, secondo uno studio su animali, la proteina antivirale pokeweed (PAP), una proteina contenuta nella pianta, ha dimostrato effetti antitumorali nei roditori.  Un altro studio ha scoperto che il PAP, quando combinato con un farmaco immunoterapico chiamato TP-3, è promettente come potenziale trattamento per osteosarcomi avanzati e alcuni sarcomi dei tessuti molli.  Inoltre, studi di laboratorio hanno suggerito che certe formulazioni di PAP possono rivelarsi utili contro le cellule tumorali che dipendono dagli ormoni per la loro crescita, come le cellule della prostata, del seno e del carcinoma ovarico. PAP agisce anche contro alcuni virus come l’herpes, l’HIV,  e la coriomeningite linfocitica. 

Come pokeroot, la darsena gialla (Rumex crispus) può compromettere i globuli rossi se impropriamente abusata. O in altre parole, se non usato correttamente, può avere proprietà tossiche. Ma anche come pokeroot, se usato correttamente, gli studi hanno dimostrato che ha forti proprietà antitumorali. In effetti, uno studio del 2012 istigato dall’uso del dock giallo nella formula di Essiac ha rilevato che il bacino giallo mostrava “notevoli attività citotossiche” su diverse linee cellulari leucemiche testate. 

Vischio

L’uso del vischio per il trattamento del cancro è così diffuso nell’Europa centrale che si stima che fino al 60-70 per cento dei malati di cancro lo incorpori nella terapia. Nel 2003, ho fatto riferimento al National Institutes of Health, studio in corso sulle proprietà antitumorali del vischio. Secondo i dettagli dello studio, “la lectina del vischio può rallentare la crescita delle cellule tumorali ed essere un trattamento efficace per i tumori solidi”. In particolare, lo studio è stato progettato per valutare l’efficacia dell’estratto di vischio (ME) quando iniettato direttamente nei tumori pancreatici. Bene, i risultati di questo studio sono ora disponibili, e sono sorprendenti. “35 E da allora, ulteriori studi hanno dimostrato il valore del vischio nella lotta contro il cancro. Ci sono stati numerosi studi in Europa, in particolare in Germania, che hanno riportato i benefici dell’estratto di vischio nel combattere diversi tipi di cancro, tra cui il cancro al pancreas e al seno. Una revisione del National Cancer Institute di oltre 70 studi sull’effetto del vischio sul cancro negli esseri umani – sebbene abbiano rilevato difetti di progettazione in numerosi studi – ha comunque trovato risultati coerenti su tutta la linea: tra cui riduzione del tumore, tassi di sopravvivenza più elevati, miglioramento del sangue conta e una migliore qualità della vita per i pazienti. E se non altro, studio dopo studio ha scoperto che, se usato in combinazione con la chemioterapia, vischio migliora significativamente la qualità della vita, come dimostrato ancora una volta in questo studio del 2014 pubblicato sulla rivista Complementare e medicina alternativa basata su Evidenced . 

E come nota a margine, un caso convincente può essere fatto per un’attenta analisi delle proprietà antidiabetiche del vischio. Il vischio africano è stato a lungo utilizzato per curare il diabete in Nigeria. Nei ratti con diabete, il vischio ha dimostrato di ridurre i livelli di glucosio nel sangue.  E un altro studio ha dimostrato che l’estratto di vischio stimolava la secrezione di insulina dalle cellule pancreatiche clonali. 

Acetosa di pecora

L’acetosella, che in realtà proviene dalla stessa famiglia del bacino giallo – Rumex acetosella vs Rumex crispus – condivide molte delle sue proprietà antitumorali. E almeno quando usato in combinazione con altre erbe, possiede una potente attività antiossidante e protettiva del DNA, proprietà che sono comuni agli agenti anti-cancro naturali. Contiene un agente antibatterico chiamato rumicina che ha reso un trattamento per le infezioni tra cui stafilococco, E. coli e salmonella. Le tribù indiane americane e canadesi usavano l’acetosella come trattamento per il cancro, ed è così che venne utilizzata nelle versioni più moderne delle formule anticancro. René Caisse, che ha reso popolare il tè Essiac come cura per il cancro, riteneva che l’acetosella fosse il combattente per il cancro più attivo tra tutte le erbe presenti nella sua formula e ne ha fatto l’ingrediente principale nella sua formula. Quel punto di vista fu distaccato dal Dr. Chester Stock a Sloan-Kettering a New York. Dr. Stock ha studiato l’acetosella per oltre tre anni a metà degli anni settanta. La sua conclusione è stata che l’acetosella è risultata responsabile della distruzione delle cellule tumorali nel corpo, e inibita la metastasi causando effettivamente il ritorno delle cellule tumorali nel sito originale del tumore. Non sorprendentemente, questa informazione non è stata resa disponibile al pubblico. Ma ancora più preoccupante, quando il Ministero della Salute e del Welfare canadese ha visto lo studio, ha immediatamente vietato l’acetosella dalla vendita e dalla distribuzione!

L’acetosa di pecora contiene alti livelli di fitoestrogeni con una significativa attività di legame al recettore degli estrogeni, simile agli isoflavoni fitoestrogeni comuni al trifoglio e alla soia.

Gli studi pubblicati sull’acetosa delle pecore sono pochi e lontani tra loro, ma quelli che esistono supportano il lavoro di Dr. Stock. Ad esempio, uno studio del 2009 pubblicato su Toxicology in Vitro ha scoperto che l’acetosella, insieme a molte altre erbe, ha indotto tossicità su linee cellulari cancerose. 

Cat’s Claw

La tribù Ashaninka del Perù utilizza l’artiglio del gatto (Uncaria tomentosa) per una varietà di scopi, incluso il supporto alla salute cellulare. Anche altre tribù indigene usano l’artiglio di gatto. La tribù cashibo del Perù orientale ritiene che l’artiglio del gatto normalizzi il corpo e lo abbia usato fin dall’antichità per ripulire il sistema. Altre popolazioni indigene documentate in Perù usano l’artiglio del gatto per la pulizia del sangue e per l’irregolarità del ciclo mestruale.

Al giorno d’oggi, la pianta è riconosciuta dagli erboristi principalmente grazie alle sue proprietà antiossidanti, antinfiammatorie, antitumorali e diuretiche. A causa delle sue proprietà anti-infiammatorie, l’artiglio del gatto si trova spesso in formulazioni progettate per trattare l’artrite reumatoide e l’artrosi. La pianta ha anche un’influenza molto benefica sul nostro sistema immunitario ed è usata nei trattamenti di vari tipi di tumori, in particolare tumori cerebrali, leucemia, carcinoma cervicale, melanoma, medulloblastoma. Ed è anche usato come integratore a base di erbe per i pazienti affetti da HIV. 

L’attività antitumorale di Uncaria tomentosa è stata verificata in numerosi studi, ma l’esatto meccanismo di tale attività è aperto al dibattito, dato che gli alcaloidi pentaciclici di ossindolo trovati nella sua corteccia danno gran parte del merito. Ad esempio, uno studio del 2013 ha scoperto che gli alcaloidi pentaciclici di ossindolo trovati nella corteccia sembravano essere responsabili dell’efficacia di tomentosa contro le cellule del cancro della vescica. considerando che un secondo studio pubblicato lo stesso anno ha rilevato che l’artiglio del gatto esercita i suoi ampi effetti anti-neoplastici contro il tumore Walker-256 modulando lo stress ossidativo e non per attività alcaloide. Ancora una volta, uno studio del 2009 ha concluso che gli alcaloidi pteropodi e isopterpodi trovati in tomentosa hanno mostrato un significativo effetto pro-apoptotico (causato dalla morte delle cellule tumorali) su cellule di carcinoma midollare della tiroide, mentre la frazione povera di alcaloide ha inibito la proliferazione cellulare ma non ha mostrato alcun effetti pro-apoptotici.  La palla rimbalza nella direzione opposta, tuttavia, in uno studio del 2007 che ha concluso che si trattava di pteropodio e isomitrafilina responsabili dell’attività antiproliferativa della tomentosa nei confronti delle cellule leucemiche.   Vai a capire.

La linea di fondo è che lo studio dopo studio conferma la capacità dell’artiglio del gatto di combattere il cancro, anche se i ricercatori non riescono a raggiungere un accordo su quali componenti della corteccia sono più responsabili. Fortunatamente, non sapendo quale parte isolare e brevettare può essere un problema per i ricercatori e le aziende farmaceutiche, ma non per noi finché usiamo un estratto di erbe che contiene tutte le componenti piuttosto che gli isolati.

Bloodroot

Bloodroot (Sanguinaria canadensis) è stato studiato e trovato per essere un potente agente di supporto cellulare, oltre ad essere un potente agente antitumorale. Al di fuori del laboratorio, è stato usato per trattare decine di migliaia di persone nell’ultimo secolo e mezzo. Molti di questi (secondo alcune stime fino all’80%, che è probabilmente molto esagerato) hanno sperimentato la remissione della neoplasia e le aspettative di vita più lunghe rispetto a persone con condizioni simili che hanno scelto trattamenti diversi. Tuttavia, la ricerca supporta la direzione generale delle prove aneddotiche. Studi peer-reviewed indicano che, come l’artiglio di un gatto, sono gli alcaloidi della Sangue di Sangue – in particolare, la sanguinarina – che sono più probabilmente responsabili dei suoi benefici protettivi per il cancro. Infatti, studi di laboratorio hanno dimostrato che può aiutare con la prostata,cancro al seno, e pancreatico,  e molti altri tipi di cancro, causando l’apoptosi delle cellule tumorali.  In altre parole, uccide le cellule tumorali senza danneggiare le cellule sane.

Oregon grape root e Goldenseal

La radice d’uva dell’Oregon è usata frequentemente dagli erboristi come detergente per il sangue e, come suggerisce il gusto estremamente amaro, per stimolare il fegato e la cistifellea. Purifica il sangue e purifica il fegato contribuendo a stimolare il flusso biliare, liberando le tossine e aiutando a spurgare la milza. Aiuta anche il fegato a metabolizzare i rifiuti e le tossine e, a causa delle sue proprietà anti-patogeniche utilizzate dai guaritori naturali nel trattamento dell’epatite cronica-B.

Il principale biochimico attivo nella radice dell’uva dell’Oregon è la berberina. E quando si parla di cancro, c’è stato un gran numero di studi che hanno evidenziato la capacità della berberina di sopprimere la crescita di un’ampia varietà di cellule tumorali, tra cui il cancro al seno,  leucemia, melanoma,  cancro al pancreas, orale e lingua cancri,  e cancro alla prostata. 

La radice di Goldenseal è un tipo di erba multiuso che fornisce supporto al sistema immunitario e purifica gli organi vitali. Funziona sia nel tratto intestinale che sistemicamente. Promuove la capacità di funzionamento del cuore, il sistema linfatico e respiratorio, il fegato, la milza, il pancreas e il colon. La biochimica primaria in goldenseal è la berberina, che sembra avere azioni antimicrobiche che possono uccidere diversi tipi di lievito, parassiti, batteri e persino MRSA.  È utile come parte di una formula per la pulizia del sangue grazie alla sua capacità di rimuovere gli agenti patogeni dal flusso sanguigno. E poiché uno dei suoi componenti principali è la berberina, tutti gli studi che abbiamo visto per la radice dell’uva dell’Oregon si applicano anche a goldenseal.

peperoncino di Cayenna

Il frutto caldo della pianta di Caienna è stato usato come medicina per secoli. È estremamente benefico per il sistema circolatorio, aiuta a migliorare l’elasticità delle pareti sia del sistema arterioso e venoso, mantiene la normale funzionalità piastrinica del sangue, e per aiutare a mantenere la pressione sanguigna normale se già entro un intervallo normale in tutto il corpo. Cayenne è anche usato in molte formule a base di erbe, come questo, come “guidatore” – per “spingere” le altre erbe nella formula nel sangue più velocemente. Come nota a margine, ci sono alcuni studi che indicano che la capsaicina, il componente attivo “caldo” di Caienna, potrebbe avere la capacità di indurre l’apoptosi in alcune cellule tumorali da sola. 

Conclusione

Queste sono le erbe trovate nella mia formula di pulizia del sangue “ideale”. Le radici (no pun intended) di questa formula risalgono a decenni, molto prima che ci fosse qualche ricerca per supportarlo. Come abbiamo visto, tuttavia, nell’ultimo decennio, la ricerca ha iniziato a raggiungerla e la maggior parte delle erbe usate nella formula sono state identificate in più studi (provetta, animale e umano) come forti antitumorali proprietà.

Sebbene la maggior parte delle persone utilizzi questa formula come parte del suo fegato bianco e del rossore della cistifellea, dovrebbe essere considerata a sé stante come una formula importante da utilizzare per mantenere la salute ottimale. Se usato regolarmente, lavorerà per purificare e ottimizzare il sangue, pulire il fegato, uccidere i virus, distruggere il cancro e molto altro. Nota: questa è una formula molto potente che è fortemente terapeutica in natura, il che significa che dovrebbe essere utilizzato solo per la disintossicazione o in base alle necessità. Un flacone ogni sei mesi è adeguato per la disintossicazione e la manutenzione di base. Prendendo anche una o due bottiglie per pulire il sangue quando è malato è anche ragionevole. E una bottiglia a settimana per un massimo di tre settimane è accettabile in circostanze particolari. (Poi prenditi un paio di settimane prima di ripetere.) Ma questa non è una formula di supporto nutrizionale. Non vuoi prendere questa formula ogni giorno per settimane come un multivitaminico. In questo caso, più non è necessariamente migliore. Ricorda, alcune di queste erbe sono estremamente potenti e possono effettivamente abbattere i globuli rossi se usati in eccesso. Se abusato, potrebbe essere controproducente e potrebbe avere un impatto negativo sulla salute. In altre parole, segui le indicazioni; non adlib. Ma se usato correttamente, questa è una delle formule più potenti nell’arsenale della salute alternativa.

Quindi, questa formula preverrà o invertirà il cancro? Scusa, non funziona così. Molto semplicemente, non esiste una cura magica per il cancro – tradizionale o medica – che funzioni su tutti i tipi di cancro e per ogni individuo … almeno non ancora. Ma detto questo, questa formula è uno strumento antitumorale primario. Non è insignificante che le basi di questa formula siano state stabilite anni prima che esistessero dati scientifici a sostegno: solo migliaia di storie aneddotiche. E ora, come vediamo, nell’ultimo decennio da solo, studio dopo studio ora supporta l’anticancro in buona fede di 12 delle 12 erbe in questa formula – persino il caienna, che è stato effettivamente utilizzato come driver per la formula, non come un erba antitumorale. Questa è una formula importante!

Nota: per superare il gusto (molto amaro, molto caldo), consiglio di aggiungerlo a 2 once di succo sottile e non diluito, come mela o pera, scaldandolo in un sol boccone come un bicchierino di liquore, e poi facendo un po ‘di schiuma succo in bocca per cancellare il gusto. (A proposito, anche se normalmente non è un fan dei succhi in bottiglia, questo è un posto in cui funzionano davvero perché sono così convenienti e perché si beve così poco alla volta.) Succhi spessi come la pesca o l’arancia, d’altra parte , tendono a ricoprire la bocca, cosa che fa persistere il gusto – non va bene. E diluirlo significa semplicemente che devi bere di più, piuttosto che buttar giù tutto in un solo sorso,

In conclusione: un minimo di due bottiglie all’anno – una ogni sei mesi – dovrebbe essere considerata una parte fondamentale del programma di salute personale.

SE VUOI USARE UN METODO

SEMPLICE PER PULIRE

IL SANGUE

TI CONSIGLIO QUESTO PRODOTTO

https://bioecovita.myduolife.com/shop/products/34/321,mio-sangue-arh-clorofilla.html?__language=it

2 pensiero su “Pulizia del sangue”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *